Cucinare per uno: è più facile (e gratificante) di quanto pensi

24 Set di Alberto

Cucinare per uno: è più facile (e gratificante) di quanto pensi

Sono rimasto un po ‘sorpreso la prima volta che qualcuno mi ha detto che non le piaceva cucinare solo per se stessa. Non avevo imparato ad usare una stufa fino a quando non ho studiato all’estero in Italia (2000-2001), ma da allora fino a quando ho incontrato mio marito 10 anni dopo ho cucinato per me (da solo) quasi esclusivamente. Non mi è mai sembrato strano o solitario, era solo la mia vita da studente.

È stato solo quando ho lanciato Summer Tomato e ho iniziato a scrivere pubblicamente sull’importanza di cucinare Real Food a casa che ho iniziato a ricevere lamentele da persone single che non avevano la motivazione per cucinare da sole. Potevano vedere il valore di cucinare per una persona importante o una famiglia, ma sembrava troppo fastidioso sporcare pentole e piatti per una cena da solista.

Aveva senso quando ci pensavo, ma non riuscivo davvero a relazionarmi al problema poiché all’epoca ero ancora uno studente e praticamente tutti i consigli su questo sito erano basati sulle mie esperienze di cucina per me stesso. Semmai mi aspettavo che si lamentassero genitori impegnati, non single.

Ora che vivo con mio marito da più di tre anni, posso sicuramente vedere il piacere che deriva dal cucinare e dal nutrire un’altra persona a cui tieni. Le mie esperienze culinarie sono molto più ricche ora che sono le “nostre” esperienze culinarie e non le cambierei per niente.

Ma non mentirò, non preferisco cucinare per due piuttosto che cucinare per uno. Non da molto lontano.

Non sto parlando di mangiare da soli rispetto a mangiare con qualcuno. Preferisco la compagnia e la conversazione su Twitter e i discorsi TED (questi erano i miei compagni di cena predefiniti quando ero single). Sto parlando della quantità di tempo ed energia necessaria per preparare, cucinare e pulire un piatto unico rispetto a un pasto multicomponente. Sto parlando di tutta la spesa e la pianificazione extra necessarie per ottenere più del doppio del numero di calorie in tavola ogni sera.

10 trucchi per mangiare le verdure anche se non ti piacciono | Melarossa

Ormai ho imparato a cucinare abbastanza bene. Prendo la maggior parte delle mie carni e verdure per la settimana al mercato degli agricoltori, quindi integro alcuni giorni alla settimana con viaggi di shopping al mio Whole Foods locale mentre torno a casa dalla palestra. Kevin è molto riconoscente e disponibile e di solito si offre volontario per preparare la griglia e / o lavare i piatti per togliermi un po ‘di peso.

Ma è stato un enorme cambiamento per me abituarmi a dover acquistare ed elaborare così tanto più cibo di prima. Mi sono reso conto abbastanza presto che il mio normale mucchio di lenticchie (o uova) e verdure non era cibo sufficiente per qualcuno con il 50% in più di massa corporea di me. Avevo bisogno di imparare a incorporare più proteine ​​animali e altre fonti di calorie nei nostri pasti solo per essere sicuro che non sarebbe uscito per una fetta di pizza dopo cena.

Cucinare per due è molto più una produzione che cucinare per uno che ho dovuto anche abituarmi a uscire a cena un po ‘più spesso di quanto avrei preferito. Anche se di solito riusciamo a cenare in tavola in 30-60 minuti, la mancanza di tempo, energia o lo stato della nostra cucina sono occasionalmente sufficienti per farci rinunciare e visitare invece uno dei nostri ristoranti salutari locali. (Mi sono appena reso conto mentre scrivevo che lavorare sulle mie abitudini di pulizia di pentole, padelle e taglieri sarebbe probabilmente una buona idea).

Come puoi immaginare, ho dovuto apportare diverse modifiche al mio stile di salute affinché queste nuove richieste non avessero un impatto negativo sulla mia salute. Kevin e io siamo riusciti a farlo funzionare, ma ci sono voluti alcuni tentativi ed errori e non mi faccio illusioni su quanto lavoro sia in più la cena rispetto a quando vivevo e cucinavo da solo.

Proprio ieri sera mi è venuto in mente quanto possa essere facile e delizioso un piatto di cavolo e uova da 5 minuti in una piovosa notte invernale quando mio marito è fuori per un evento di lavoro. E ho potuto cucinare, mangiare e pulire in modo così efficiente che ho avuto il tempo di scrivere un intero post sul blog prima delle 20:00.

Il segreto per far valere la pena cucinare da solo è avere una manciata di ricette casalinghe semplici, gustose e uniche su cui puoi sempre fare affidamento. Idealmente sporcano solo un coltello e un tagliere, una padella, un paio di pinze, un piatto e una forchetta. Se li risciacqui subito dopo la cottura, la tua cucina dovrebbe rimanere immacolata. Facile facile.

Se la solitudine è un problema mentre mangi, non sentire il bisogno di relegarti al silenzio radiofonico per il gusto di mangiare consapevolmente. Sì, rimuovere le distrazioni può aiutarti a concentrarti sul cibo, gustarlo di più e mangiare di meno, ma non c’è bisogno di torturarti. (Cerco di ottenere almeno un pasto senza tecnologia in un giorno, ma raramente è una cena). Qualunque sia la tua attività preferita per la cena, assicurati che sia qualcosa che ti piace davvero e che non richieda risposte attive da parte tua (come l’email). E non dimenticare di masticare.

In questi giorni godo le mie cene da solo e le uso come un’opportunità per dedicarmi a qualche educazione nel tempo libero come i discorsi TED, CreativeLive o gli audiolibri. Uso il mio (abbondante!) Tempo libero extra dopo cena per ritrovarmi con il lavoro o con gli amici.

Anche se adesso non ho più notti da solo come una volta, le considero decisamente più una pausa rilassante che una condanna al carcere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *